Perché ho scelto proprio te?



Due persone che si innamorano e decidono poi di sposarsi o vivere insieme non si scelgono mai per caso.

Cos'è che fa scattare il desiderio di legarsi proprio a quella persona, che forse in una diversa occasione non avremmo mai scelto?


La storia di Davide e Alessandra

Davide e Alessandra si innamorano sui banchi di scuola, circa 20 anni fa. All'epoca avevano entrambi 18 anni. Lei viene da una famiglia benestante in cui i temi della formalità e della religiosità hanno sempre fatto la distinzione. Il padre è un professionista importante ed affermato, con un carattere deciso e al contempo iroso, la madre invece è una donna docile, silenziosa, che per desiderio di cura della famiglia, lascia il lavoro giovane. Ultima di quattro figli, prediletta del padre, è una studentessa modello. Si muove in famiglia confermando i desideri del padre, si laurea e diventa a sua volta una professionista affermata. Alessandra è una donna forte, decisa e rigorosa.

Davide è figlio unico, trascorre la sua infanzia e adolescenza prevalentemente con i nonni, perché i genitori erano impegnati con il lavoro. Il padre uomo assente, incapace di gesti di affetto, negli anni si ammala e si estranea sempre più dalle relazioni familiari. Il conflitto profondo, ma sepolto, tra i genitori è stato il leitmotiv della vita familiare dove, in un contesto di alta imprevedibilità emotiva, Davide si è sempre fatto carico della stabilità della famiglia. Oggi è un uomo mite, docile e collaborativo.

“Di lui mi ha fatto innamorare la sua leggerezza, la sua capacità di stare con tutti”, “di lei oltre che dall'aspetto fisico mi ha colpito il modo in cui mi ascoltava” diranno in consulenza.

L’incastro profondo, affettivo e inconsapevole

L’attrazione fra due partner è più di carattere psicologico che fisico ed è correlata al contesto e ad un preciso momento del processo evolutivo di ciascuno dei due individui. Prende forma sul desiderio di entrambi di sposare dell’altro esattamente ciò che in quel periodo storico della loro vita e in quel contesto li fa sentire di poter rinascere: Davide trova in Alessandra la stabilità e la sicurezza che non ha mai avuto, Alessandra invece è attratta dalla leggerezza di Davide, dalla fiducia che riesce a trasmetterle, dalla profondità delle sue riflessioni. Entrambi sentono che con il partner possono essere liberi di esprimersi e, forse, sentono di poter dare una direzione diversa alle loro vite.

È proprio l’incastro di bisogni, desideri, paure a costruire la peculiarità di quella coppia, il suo inedito.

E tu cosa hai “sposato” nel tuo compagno/a? Te lo sei mai chiesto/a? Cosa ti ha attratto di lui/lei all'inizio? Sono ancora questi gli aspetti che vi tengono uniti o è cambiato qualcosa? E cosa?

Vi consiglio la visione del film “A PIEDI NUDI NEL PARCO”

Per avviare una conversazione su questo tema Contattami o visita la sezione Proposte



158 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti